QUANDO   CORREVO   SU   E   GIU’   PER   L’ITALIA   DIETRO   AI   LITFIBA   di   Federica   Marchetti   (edizioni Il Foglio, 2014, pp. 150) Non    amo    i    libri    autobiografici,    li    tollero    unicamente    di    grandi    personaggi    e    leggo    solo    quelli    scritti    dai    miei beniamini,   scrittori,   musicisti   e   attori   che   amo   e   seguo.   Non   ho   mai   tenuto   un   diario   né   ho   mai   pensato   di   scrivere le   mie   memorie.   Non   sono   un   personaggio   né   persona   così   interessante   da   intrattenere   con   il   racconto   della   mia vita.   Niente   di   più   banale   e   noioso.   Sarebbe   anche   presuntuoso   e   questo   non   voglio   che   sia.   Eppure   c’è   un   periodo della   mia   vita   che   vorrei   mettere   nero   su   bianco,   solo   per   ripensarlo   con   ironia   e   raccontarlo.   Ora   ho   deciso   che   il momento   di   scrivere   di   quegli   anni   con   affetto   è   arrivato   e   di   rispondere   all’insistente   domanda   che   mi   si   rivolge   da allora.   “Dai      perché   non   scrivi   qualcosa   su   quegli   anni   passati   dietro   ai   Litfiba?.   Ma   perché   scrivere   un   libro   su quegli   anni?   A   chi   può   interessare?   Non   lo   so.   Ho   solo   voglia   di   ricordare   quei   brividi,   quelle   fughe   da   casa,   in un’epoca   dove   non   c’erano   telefonini,   skype,   internet,   i-pod,   i-pad,   wifi,   né   facebook,   post   o   tag.   Forse   questa   è   la mia   maniera   un   po’   demodé   di   condividere   ancora   una   volta   quelle   scorribande   con   chi   avrà   la   compiacenza   di leggere   tra   le   righe   l’affetto   che   nutro   ancora   per   la   mia   gioventù,   dalla   quale   sono   strafelice   di   essere   uscita,   e   per quei   signori   fiorentini   che   tanto   hanno   ispirato.   Ma   ci   tengo   a   precisare   un   cosa,   fin   dalla   prima   pagina:   questo   non è   un   viaggio   nella   nostalgia.   È   l’occasione   per   celebrare   una   band   tanto   amata   che,   dopo   più   di   trent’anni   e   tante peripezie,   è   ancora   on   the   road.   Voglio   ricordare   quel   periodo   come   un   privilegio,   quello   di   conoscere   e   seguire   da vicino, per mezza penisola, un gruppo che con la sua musica mi ha aperto la via verso nuove direzioni.
PRESENTAZIONI E PARTECIPAZIONI
GALLERIA FOTOGRAFICA (scorri la pagina)
Roma, 1989                                              Torrita di Siena, 1989                          Roma, aprile 1988            Città di Castello, 31 agosto 1987
Bologna, 30 novembre 1989
Roma, 1° maggio 1991
Viterbo, luglio 2014
Roma, 24 luglio 2015
Roma, 12 aprile 2015
Firenze, 10 maggio 2014
Firenze, 1° febbraio 1991
Roma, 5 aprile 20179
Roma, 1° maggio 1990
Pisa, 3 settembre 1990
Follonica, 23 febbraio 1990
Perugia, 15 gennaio 1991
Isola Liri, 16 luglio 1991
Roma, 20 aprile 2013
Firenze, 1° febbraio 1990