CONTATTI
CHI SIAMO Il   13   luglio   del   2000   usciva   il   numero   zero   dell’unica   fanzine   italiana   sul   GIALLO:   Il   Gatto   Nero ”.   Dopo   aver fatto    la    tesi    di    laurea    sul    giallo    francese    ( La    Parigi    di    Léo    Malet )    avevo    accumulato    materiale,    contatti, competenza   e   passione   e   mi   sarebbe   dispiaciuto   gettare   tutto   alle   ortiche.   Nel   2000   il   giallo ”   era   ancora   un genere   di   serie   B   e   in   Italia   esistevano   poche   pubblicazioni   in   proposito   tutte   di   nicchia   e   reperibili   sono   per abbonamento.    A    differenza    di    quello    che    succedeva    all’estero,    inoltre,    non    esisteva    nessuna    fanzine sull’argomento:   così   nacque   l’idea   del   “Gatto   Nero”   che   uscì   in   versione   sperimentale.   Dalle   prime   timide poche   tirature   la   fanzine   allargò   a   macchia   d’olio   il   numero   dei   suoi   lettori   che,   all’inizio,   furono   scrittori, editori   e   cultori   del   giallo.   Il   suo   nome   fu   un   omaggio   a   Edgar   Allan   Poe,   creatore   del   genere   poliziesco   ma anche   all’incondizionato   amore   per   i   felini.   Il   nostro   il   motto   fu   una   celebre   frase   della   giallista   americana Lilian   Jackson   Braun,   autrice   della   serie   di   gialli   “Il   gatto   che   …”:   Se   non   a   tutti   gli   appassionati   del   giallo possono   piacere   i   gatti,   sembrerebbe   che   a   tutti   i   gattofili   piaccia   il   giallo   ”.   E   un   reale   gatto   nero,   (Bepa,   1993- 2011)   musa   ispiratrice   e   silenziosa   guardiana   delle   notti   trascorse   a   scrivere,   c’è   stata.   Durante   questi   anni   il Gatto   Nero   si   è   inaspettatamente   evoluto   in   tante   diverse   direzioni.   Nel   2006   è   nato   il   sito,   fratello   maggiore della   fanzine   (ormai   diventata   webzine),   dedicato   a   giallofili   e   giallisti,   che   da   pochi   visitatori   è   arrivato   a   circa 20.000   (giugno   2010)   che   è   approdato,   dal   2010,   anche   su   Facebook.    Nel   2014,   infine,   si   è   trasformato   nel   sito personale   della   sua   creatrice,   Federica   Marchetti    (freelance,   autrice   di   libri,   art   director   e   web   master)   che continua a scrivere la storica fanzine.