CRIMINI NELLA LONDRA VITTORIANA: Holmesmania e Rippermania di Federica Marchetti (Piccole Manie Crescono, Edizioni Il Foglio, 2020 e 2021).
L’Ottocento   volgeva   al   termine   ed   era   stato   un   secolo   di   enormi   cambiamenti.   Sul   trono   c’era   la   Regina   Vittoria   (dal   1837   al   1901).   Londra   era   nettamente   divisa   in   due   tra   il West   End   con   l’aristocrazia,   ricca   e   privilegiata,   e   l’East   End   con   la   massa   popolare   che   viveva   di   stenti   e   malattie.   I   senzatetto   erano   circa   90.000.   La   coscienza   si   stava svegliando   e   le   enormi   differenze   di   ceti   saltava   agli   occhi.   Nasceva   il   Partito   socialista,   le   donne   reclamavano   i   primi   diritti   sociali,   l’ipocrisia   della   società   vittoriana   si scontrava   con   il   diffondersi   delle   perversioni   e   dell’attrazione   per   l’occulto,   il   malvagio   e   il   diverso.   La   stampa   cambiava   volto   e   ruolo   sociale:   l’analfabetismo   calò,   i   giornali ebbero   un   incremento   di   diffusione,   nacque   il   giornalismo   investigativo   e   le   agenzie   di   stampa.   La   coscienza   della   gente   rapidamente   si   adeguò.   Gli   omicidi   nei   quartieri malfamati   erano   all’ordine   del   giorno,   le   prostitute   vivevano   e   spesso   morivano   in   strada.   Dietro   la   sua   rispettabilità   la   società   vittoriana   nascondeva   il   vizio,   il   crimine   e   lo squallore   che   sfociavano   nella   prostituzione.   A   Londra   c’erano   molti   bordelli   ovunque.   Erano   nate   le   associazioni   che   intendevano   far   abolire   la   prostituzione.   La   stampa attirò    l’attenzione    dei    lettori    con    articoli    provocatori    che    puntarono    il    dito    sulla    prostituzione    come    causa    di    diffusione    delle    malattie    veneree.    Negli    anni    ‘80    la prostituzione   forzata   di   donne   inglesi   era   stata   una   vera   e   propria   tratta   delle   bianche.   Tra   scandali   e   polemiche,   uscirono   degli   articoli   intitolati   “il   tributo   degli   innocenti” che   rivelarono   la   corruzione   e   la   complicità   della   polizia,   la   miseria   degradante   dei   bassifondi   e   il   coinvolgimento   degli   strati   più   ricchi   della   società.   L’approvazione   di   una nuova   legge   prometteva   una   ricompensa   a   chi   avesse   denunciato   una   casa   usata   come   bordello.   La   conseguenza   fu   che   le   prostitute   dovettero   esercitare   il   mestiere   in strada.   Erano   disprezzate   ovunque   e   non   godevano   nemmeno   della   pietà.   Nel   1887   debuttarono   le   avventure   di   Sherlock   Holmes,   il   detective   creato   da   Arthur   Conan   Doyle, e   l’indagine   divenne   un’occasione   di   intrattenimento   letterario   che   stimolava   la   fantasia   dei   lettori:   dal   suo   appartamento   di   Baker   Street,   Holmes   e   il   suo   coinquilino   e biografo,   dottor   Watson,   risolvono   crimini   e   misteri.   Nel   1888   nell’East   End,   il   quartiere   popolare   di   Whitechapel,   un   misterioso   killer,   noto   come   Jack   lo   Squartatore   (Jack the   Ripper)   uccide   5   prostitute   in   60   giorni   per   sparire   per   sempre   impunito.   Tutta   la   città   ha   paura   di   entrare   nel   mirino   della   criminalità.   Holmes   e   lo   Squartatore sembrano rappresentare le due facce della stessa medaglia se non altro perchè si muovono nella Londra dello stesso periodo storico.