PRESENTAZIONI E PARTECIPAZIONI
FUGA D’AUTORE di Federica Marchetti (Gox edizioni, 2012) Ci fu l’epoca dells scoperta. Ci fu l’epoca della lettura. Ci fu l’epoca della presa di coscienza. Ci fu l’epoca della scrittura. E’ giunta l’epoca della condivisione. Fuga   d'autore    è   il   mio   primo   romanzo.   È   rimasto   in   un   cassetto   dal   1998,   quando,   dopo   una   dolorosa   stesura   di   cinque   anni   vide finalmente   la   luce.   La   storia   narrata   nelle   sue   pagine   è   a   metà   tra   il   romanzo   di   formazione   e   la   detection   ma   senza   cadavere. L’indagine   della   protagonista,   Fedora,   una   trentenne   insicura   e   pasticciona,   è   tutta   volta   a   ritrovare   la   scrittrice   scomparsa   per   sua volontà   Novella   Pisani.   Non   ci   sono   assassini   né   assassinati   e,   tra   un   indizio   e   una   scoperta,   emerge   anche   la   personalità complessa   del   personaggio   principale   che,   per   ritrovare   il   suo   posto   nel   mondo,   lascia   la   casa   e   la   sua   famiglia   ingombrante.   Per scrivere   Fuga   d’autore    ho   dovuto   fare   molti   cambiamenti.   Dalle   poesie,   ormai   superate,   ero   passata   alla   narrativa   e,   scegliendo   la formula   del   romanzo,   seppur   breve,   mi   stavo   cimentando   in   un   genere   impegnativo,   nuovo,   pieno   di   sorprese   e   soprattutto dall’esito   incerto   (sarei   mai   riuscita   a   finirlo   e   poi   a   pubblicarlo?).   Confrontandomi   con   la   lunga   stesura   di   una   storia   che   doveva avere   un   ritmo,   uno   stile   e   un   contenuto   ben   definititi   avrei   dovuto   anche   superare   la   naturale   insicurezza   del   debuttante. All’epoca   per   me   la   letteratura   era   stata   sempre   frutto   di   riflessione,   fruizione   e   discussione   ma   mai   avrei   pensato   di   scrivere,   nero su   bianco,   un   volume   intero.   La   voce   si   alzava   lentamente,   di   parola   in   pagina,   di   pagina   in   capitolo.   Stabilita   la   traiettoria   da seguire,   sebbene   il   percorso   era   delineato,   non   fu   facile   mettere   per   iscritto   tutto   quello   che   avevo   intenzione   di   raccontare   e   non sapevo   ancora   che   storia   ne   sarebbe   venuta   fuori.   A   quattordici   anni   dalla   sua   realizzazione,   Fuga   d’autore    mi   emoziona   ancora   e ha inizio una nuova era, quella della condivisione con i lettori.